Una visita ortopedica specialistica alla spalla è cruciale per diagnosticare e trattare efficacemente i problemi che possono coinvolgere questa articolazione. La spalla infatti è una delle articolazioni più complesse e mobili del corpo umano, essenziale per una vasta gamma di attività quotidiane. Sfortunatamente, è anche una delle più soggette a lesioni e disturbi, che possono limitare significativamente il movimento e la qualità della vita.

Comprendere la spalla

Anatomia della spalla

La spalla è un sistema complesso formato da tre ossa (clavicola, scapola e omero), 5 articolazioni, 8 legamenti e 30 muscoli. Le ossa sono collegate dai legamenti e circondate da muscoli e tendini che conferiscono alla spalla un’ampia gamma di movimento. È infatti l’articolazione più mobile (e per questo intrisecamente instabile) del corpo umano.

Ossa e articolazioni

Le principali articolazioni della spalla includono l’articolazione gleno-omerale (dove la testa dell’omero si incontra con la cavità glenoidea della scapola) e l’articolazione acromion-claveare (che coinvolge la clavicola e l’acromion della scapola).

Muscoli e tendini

I muscoli principali che supportano l’articolazione gleno-omerale sono parte del gruppo della cuffia dei rotatori, che include tendini e muscoli che aiutano nella rotazione della spalla e nel mantenimento della stabilità articolare.

Problemi comuni della spalla

Dolore e rigidità

Questi sintomi possono essere causati da vari fattori, tra cui artrite, borsite, lesioni da sovraccarico e altri.

Lesioni da sovraccarico

Queste si verificano spesso a causa di movimenti ripetitivi o sollevamento di pesi e possono causare problemi come tendinite e borsite.

Rotture dei tendini e lussazioni

Le rotture dei tendini della cuffia dei rotatori e le lussazioni delle articolazioni della spalla sono comuni, soprattutto negli atleti e nelle persone che svolgono lavori fisicamente impegnativi.

Artrosi della spalla

L’artrosi può colpire anche la spalla, portando a dolore, rigidità e riduzione della mobilità.

La visita ortopedica alla spalla

Preparazione per la visita con il chirurgo

La visita ortopedica alla spalla è fondamentale per identificare le cause dei problemi a carico di questa struttura. Nella maggior parte dei casi chi si rivolge a un ortopedico per una visita alla spalla lo fa a causa di un dolore localizzato in questa parte del corpo.

Per sottoporsi a una visita ortopedica alla spalla non è necessaria una preparazione particolare. È comunque consigliato portare con sé eventuali referti diagnostici che potrebbero essere utili – ad esempio recenti radiografie e/o risonanza magnetica – di cui si è già in possesso.

Cosa aspettarsi durante una visita ortopedica alla spalla

Durante la visita, il chirurgo ortopedico specializzato nei disturbi muscolo-scheletrici, eseguirà un esame fisico, valuterà la gamma di movimento della spalla e potrebbe richiedere radiografie o altre immagini diagnostiche.

La visita comprende anche l’esecuzione da parte dell’ortopedico di una ecografia di primo livello per un miglior orientamento diagnostico.

Come si svolge una visita ortopedica alla spalla?

L’esame ortopedico inizia con un’anamnesi dettagliata del paziente, che include domande su eventuali lussazioni o fratture, interventi chirurgici precedenti su quel braccio/spalla e qualsiasi altro trauma precedente.

Cosa si fa durante una visita ortopedica?

Durante una visita ortopedica alla spalla, il medico valuta la condizione del paziente attraverso un esame fisico, la raccolta della storia clinica, e, se necessario, prescrive esami di imaging per una diagnosi accurata.

Trattamenti e interventi

Opzioni conservative

Spesso, i problemi alla spalla possono essere gestiti con trattamenti conservativi come riposo, fisioterapia, e antinfiammatori.

Interventi chirurgici

Per lesioni più gravi, possono essere necessari interventi chirurgici, come la riparazione della cuffia dei rotatori o la sostituzione articolare (protesi di spalla).

Tecnologie mininvasive

Tecniche come la ricostruzione capsulare superiore in artroscopia e la riparazione di lussazione acromion-claveare offrono approcci meno invasivi con tempi di recupero più brevi.

Recupero e riabilitazione

La riabilitazione gioca un ruolo cruciale nel recupero post-intervento o dopo trattamenti conservativi. Seguire attentamente il piano di riabilitazione prescritto dal fisioterapista è essenziale per ripristinare la funzionalità e la forza della spalla.

Esercizi e attività consigliate

Gli esercizi di riabilitazione possono includere stretching per migliorare la flessibilità e esercizi di rafforzamento per ricostruire la forza muscolare. La progressione graduale delle attività è essenziale per prevenire ulteriori lesioni.

Prevenzione di ulteriori lesioni

Adottare tecniche corrette nel sollevamento e nelle attività quotidiane, oltre a mantenere una buona forma fisica generale, può ridurre il rischio di future lesioni alla spalla.

Stili di vita e prevenzione

Mantenimento della salute della spalla

Il mantenimento della salute della spalla è fondamentale per assicurare un’ampia gamma di movimento, forza e stabilità necessarie per compiere le attività quotidiane senza dolore o disagio. Adottare uno stile di vita sano, con una particolare attenzione all’esercizio, all’alimentazione e al riposo, è cruciale per prevenire lesioni e disturbi della spalla. Ecco alcune strategie chiave.

Esercizio regolare

L’attività fisica regolare è essenziale per mantenere la forza muscolare e la flessibilità articolare, riducendo così il rischio di lesioni alla spalla. Gli esercizi dovrebbero mirare non solo a rafforzare i muscoli della spalla ma anche quelli core del torace, della schiena e dell’addome, per supportare una postura corretta e distribuire equamente il carico di lavoro attraverso il corpo.

Esercizi di rafforzamento

Concentrarsi sui muscoli della cuffia dei rotatori e sui muscoli scapolari aiuta a migliorare la stabilità della spalla.

Esercizi di flessibilità e stretching

Utili per mantenere o migliorare l’ampiezza di movimento della spalla. Lo stretching dovrebbe essere eseguito regolarmente, soprattutto dopo l’esercizio fisico.

Dieta equilibrata

È consigliabile un’alimentazione in grado di fornire tutti i nutrienti essenziali supporta la salute delle ossa, dei muscoli e dei tessuti connettivi.

Calcio e Vitamina D

Fondamentali per la salute delle ossa, si trovano in alimenti come latte, yogurt, formaggi, verdure a foglia verde e pesce.

Proteine

Importanti per la riparazione e la costruzione muscolare. Includere fonti di proteine magre come pollame, pesce, legumi e noci nella dieta.

Antiossidanti

Aiutano a combattere l’infiammazione e a riparare i tessuti. Frutta e verdura sono ottime fonti di antiossidanti.

Quali esami fare per dolore alla spalla?

Per il dolore alla spalla, possono essere consigliati esami di imaging come radiografie, ecografie, risonanze magnetiche (RM) o tomografie computerizzate (TC) per identificare la causa esatta del dolore.

Quando il dolore alla spalla deve preoccupare?

Il dolore alla spalla è un sintomo che varia dal semplice fastidio alla perdita di funzionalità dell’arto superiore. Questa limitazione può riguardare un singolo movimento (come, ad esempio, la rotazione della spalla per toccare la nuca o la schiena a livello lombare) o compromettere l’intera attività del braccio (adduzione, abduzione e rotazione).

Il dolore alla spalla deve preoccupare quando è persistente, limita significativamente il movimento o la capacità di svolgere attività quotidiane, o quando è accompagnato da sintomi come debolezza, intorpidimento, o un evidente gonfiore o deformità. In tali casi, è cruciale consultare un medico per una valutazione approfondita.

Visita ortopedica spalla

Visita ortopedica alla spalla: il curriculum del Prof. Marcheggiani Muccioli

Il Prof. Giulio Maria Marcheggiani Muccioli si è distinto nel campo dell’ortopedia, iniziando con una laurea con lode in Medicina e Chirurgia, ottenuta presso l’Università di Bologna nel 2006, seguita da una specializzazione con lode in Ortopedia e Traumatologia all’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna e un Dottorato in Scienze Chirurgiche.

La carriera del Prof. Marcheggiani Muccioli include il ruolo accademico di Professore Associato di Ortopedia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Bologna, dove ha approfondito tematiche di biomeccanica e patologia dell’arto inferiore e superiore.

Ha ampliato le sue competenze attraverso fellowship internazionali, tra cui esperienze nel Regno Unito, Giappone e Stati Uniti, consolidandosi come Chirurgo Ortopedico con un’ampia esperienza pratica, attestata da oltre 250 interventi all’anno.

Il Prof. Marcheggiani Muccioli, infine, contribuisce significativamente ogni anno alla formazione di nuove generazioni di medici attraverso l’insegnamento universitario in molteplici discipline mediche e chirurgiche.

È uno dei 10 chirurghi italiani che negli ultimi 20 anni sono stati selezionati dalla Knee Society americana per partecipare alla prestigiosa John Insall Fellowship sulla Chirurgia Protesica di Ginocchio.

La sua prolificità in materia si manifesta in oltre 250 pubblicazioni scientifiche e una costante presenza in ambito accademico e congressuale, che dimostra un impegno incessante verso l’innovazione nel trattamento delle patologie del ginocchio e della spalla, e nell’avanzamento delle tecniche chirurgiche mini-invasive e della medicina dello sport.

Prenota online